Starfield, i 1000 pianeti saranno generati proceduralmente

Le notizie su Starfield si susseguono a gran ritmo negli ultimi giorni sin dal suo annuncio. Le ultime in ordine temporale riguardano l’elevato numero di pianeti visitabili nel titolo.

Tutti i pianeti di Starfield saranno generati in modo del tutto procedurale, arriva la conferma da parte di Bethesda. Se questo da una parte rende l’esperienza sul gioco abbastanza soggettiva e diversa da utente ad utente, dall’altro lato rischia di scadere nel pacchiano e ora vi spieghiamo perché. Il discorso della proceduralità è risalente ad un’altro gioco dedito all’esplorazione spaziale, ovvero No Man’s Sky.

- Advertisement - link canale youtube

A differenza del titolo di Hello Games, in Starfield il numero di pianeti è decisamente inferiore ma ciò non toglie che potrebbero esserci non pochi intoppi a riguardo. In No Man’s Sky se alcuni pianeti risultano davvero una gioia per gli occhi, altri virano verso il comico se non il grottesco, con creature senza un senso logico e una vegetazione al limite del ridicolo. Il problema della creazione dei pianeti in modo procedurale rischia di restituire al giocatore qualcosa di inguardabile e davvero messo lì a caso. Ora non abbiamo ancora idea di come risulteranno i pianeti di Starfield, né di come appariranno le forme di vita o l’ambiente, ma il rischio di avere qualcosa di ridicolo e poi alla fine simile da pianeta a pianeta è davvero alto.

Inoltre Bethesda sta aggiungendo davvero tanta sostanza al gioco con il rischio di incappare in qualcosa di troppo grande che potrebbe sfuggire al controllo degli sviluppatori come accadde sia con No Man’s Sky che risultò incompleto e del tutto privo delle promesse del team di sviluppo o peggio qualcosa alla Cyberpunk 2077. Ovviamente le nostre sono illazioni dettate dai timori che Bethesda stia facendo il passo più lungo della gamba e speriamo con tutto il cuore di sbagliarci. Non ci resta che attendere ulteriori informazioni magari coadiuvate da qualche video gameplay che dissipi completamente i nostri fugaci dubbi.

Sostieni il sito e il nostro canale Youtube con una piccola donazione, ogni gesto è importante!



Advertismentspot_imgspot_img

Articoli consigliati

Giochi retrò, una passione infinita

Tra la fine degli anni ’70 e gli inizi...

LADRI IN CASA ▶ ECCO COSA HO FATTO

Racconto di quella volta che mi sono trovato due...

VOLEVAMO di più dalla NARRATIVA di ELDEN RING?

Con l'arrivo dei GOTY si sono alzate molte polemiche...

MILANO GAMES WEEK con ALPSIM e una linea INTERNET TOP 🔝

SORPRESA oggi siamo alla MILANO GAMES WEEK con ALPSIM...
Luca Maggi
Luca Maggi
Nerd dal 1989 quando mi venne regalato il Commodore 64. Amante dei gdr e dei survival horror nonché fanboy dei fumetti Marvel e accanito amante dell'heavy metal anni 80. Nel tempo libero chitarrista di una band milanese chiamata Axeblade.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here